Skip to main content

Presentazione della terna finalista
Premio Procida – Isola di Arturo – Elsa Morante 
Roma, 15 settembre 2016 – Gabriele Di Fronzo con Il grande animale (Nottetempo), Giordano Meacci con Il cinghiale che uccise Liberty Valance (Minimum Fax) e Claudio Morandini con Neve, cane, piede (Exòrma) sono i finalisti della sezione “Narrativa” del Premio Letterario Procida – Isola di Arturo – ELSA MORANTE, giunto quest’anno alla sua 29ª Edizione.

 

In vista della proclamazione del vincitore, la terna finalista sarà presentata giovedì 15 settembre alle ore 17,00 presso la Sala 1 della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma. Intervengono il Direttore della BNCR Andrea De Pasquale, il Sindaco di Procida Dino Ambrosino, l’Assessore alla Cultura del Comune di Procida Nico Granito, il Presidente della Giuria Tecnica Gabriele Pedullà. Saranno presenti i membri della Giuria Tecnica.

 

L’appuntamento segna la prima simbolica tappa del recente protocollo di intesa siglato tra la BNCR e il Comune di Procida per lo sviluppo di un obiettivo condiviso: la fruizione, la valorizzazione, la diffusione dell’opera letteraria di Elsa Morante e del suo patrimonio cartaceo.

 

Successive iniziative di carattere formativo e divulgativo, seminari e laboratori didattici rivolti a scuole ed Università, saranno attivate nell’ambito della promozione di attività culturali in partenariato con Enti pubblici e privati, operanti in Italia e all’estero.

 Il Premio Procida – Isola di Arturo – Elsa Morante

 

Organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Procida con il patronato del Presidente della Repubblica e della Regione Campania, si articola quest’anno in due sezioni: “Narrativa” e “Com’è profondo il mare”, quest’ultima dedicata ai migliori scritti sul tema del mare. Il progetto del Premio Letterario si inserisce in un più ampio contesto di crescita, proponendosi come motore unificante dell’attività culturale dell’isola, espandendosi e rinnovandosi ogni anno così da restituire alla comunità isolana eterogenei stimoli culturali. Triplice la sua finalità: valorizzare Procida, ovvero l’isola, la sua natura, la sua gente, le sue tradizioni, la sua cultura; rinvigorire l’ispirazione che ha dato vita al famoso romanzo, metafora del passaggio dalla fanciullezza all’età adulta, attraverso una stretta collaborazione con le istituzioni scolastiche; ricordare Elsa Morante nella celebrazione dell’arte della scrittura attraverso il coinvolgimento del territorio. Procida dal 1986 è la sede della manifestazione che annovera tra i suoi giurati nomi prestigiosi nell’ambito letterario. Quest’anno la Giuria Tecnica per la sezione “Narrativa” è composta da Silvia Acocella, Salvatore Di Liello, Filippo La Porta, Loredana Lipperini, Paolo Peluffo, Gilda Policastro, Fabio Masi, Giovanna Rosa ed è presieduta da Gabriele Pedullà. La proclamazione del vincitore avverrà sull’isola durante la serata finale del 24 Settembre 2016.

 

 

L’Archivio Elsa Morante della Biblioteca Nazionale di Roma

 

L’Archivio Elsa Morante della Biblioteca Nazionale di Roma per la sua unicità, originalità e completezza, è tra i fondi d’autore più prestigiosi a livello internazionale. In esso sono conservati i manoscritti dei romanzi editi ed incompiuti, i racconti giovanili, i primi quaderni di scuola elementare, le poesie, le lettere, i diari, gli scritti critici ed etico-politici, persino la biblioteca personale della scrittrice, contenente libri e dischi. Il profondo legame con l’autrice de La Storia è culminato nel febbraio del 2015 con l’inaugurazione nell’area museale Spazi900 de La Stanza di Elsa, una sala arredata con i mobili originari dell’abitazione della scrittrice, in Via dell’Oca 27 a Roma, donati da Carlo Cecchi.